Berlino Panoramica

Dall’Alex, al Ku’Damm, alla Potsdamerplatz: una capitale tanti centri


Per orientarsi in questa vasta metropoli, una panoramica essenziale dei luoghi dove si sono susseguiti gli eventi tumultuosi che hanno cambiato il volto della rinnovata capitale. Il resoconto di una storia spesso frammentata e contraddittoria, che si rispecchia nell’urbanistica e nelle architetture di una città moderna, policentrica.

Visiteremo i principali poli storico-geografici: Alexander Platz, icona della ex Berlino socialista, il Duomo e l’Isola dei Musei, il viale Unter den Linden e la Porta di Brandeburgo, l’elegante piazza del Gendarmenmarkt con la Konzerthaus, il Duomo Francese e il Duomo Tedesco, la futuristica Potsdamer Platz ridisegnata da architetti di fama internazionale dopo la caduta del Muro.

Cuore di Berlino Ovest è la City West, con la lunghissima arteria commerciale del Kurfürstendamm (Ku’damm) e le rovine della Chiesa della Memoria. Costruita all’origine in memoria dell’Imperatore Federico Guglielmo I, con la sua singolare architettura la Gedächtniskirche è divenuta piuttosto uno dei più impressionanti memoriali alle distruzioni di tutte le guerre e, insieme alla moderna sala di culto con le vetrate blu notte, simbolo della rinascita di Berlino.

Durata consigliata: 4 o 8 ore

 

Escursione a Potsdam

Meraviglie della città sull’acqua


Riconosciuta patrimonio culturale dell’umanità nel 1990, Potsdam ci accoglie e  sorprende ogni volta con la stessa intensità, grazie al centro storico barocco, ai numerosi parchi e castelli…

Il tour parte da Berlino, attraverso la foresta del Grünewald, con una breve sosta sul ponte di Glinicke, meglio noto come ponte delle spie per i numerosi scambi di spie avvenuti durante il periodo della guerra fredda.

Arrivati in quella che fu la vecchia residenza dei principi elettori del Brandeburgo, visiteremo il castello di Sanssouci di Federico II, splendido esempio di rococo’ tedesco. Potrete decidere quindi se continuare la visita di altri castelli come il grande Neues Palais (Palazzo Nuovo) in stile tardo-barocco, oppure immergerVi nella storia moderna con la residenza di Cecilienhof, teatro nel 1945 della conferenza di Potsdam.  Qui i leader di Stati Uniti, Inghilterra e Unione Sovietica, potenze vincitrici della seconda guerra mondiale, si incontrarono per discutere le sorti della Germania e dell’Europa.

Durata consigliata: 4, 6 o 8 ore

 

KZ – Il campo di concentramento di Sachsenhausen

Viaggio al termine dei totalitarismi


“Ho costruito nelle vicinanze della capitale del Reich e con l’impiego di pochi mezzi un campo di concentramento completamente nuovo, moderno e ampliabile in qualsiasi momento. Questo campo di concentramento deve essere all’altezza delle esigenze e delle pretese di ogni tipo, sia in tempo di pace che in caso di mobilitazione bellica, deve garantire la sicurezza del Reich contro i nemici e i corruttori dello Stato.” Così scriveva Heinrich Himmler nel 1937 in una lettera indirizzata al Führer, con un trasporto e un entusiasmo che oggi fanno rabbrividire.

Il Konzentrationslager di Sachsenhausen fece da modello per i successivi campi aperti nei territori del Reich e divenne sede amministrativa centrale di tutti i lager nazisti. Fra il 1936 e il 1945 vi furono internati circa 220.000 uomini.

Durante la visita guidata del Monumento alla memoria e Museo di Sachsenhausen Vi racconteremo anche aneddoti legati alla vita all’interno del campo, come la cosiddetta Operazione Bernhard, che vede protagonisti un gruppo di esperti tipografi impiegati nella più importante opera di contraffazione della storia.

Evacuato nel 1945, Sachsenhausen fu presto rimesso in attività dai sovietici con il nome di Speziallager No 7. Sotto la RDT e fino al 1950 vi furono internate altre 60.000 persone.

I totalitarismi, in fondo, si somigliano.

Durata consigliata: 5 ore